Unghie perfette!

Dripping nail polish in several colors

Qualche giorno fa ho ricevuto con molto piacere un messaggio sulla pagina FB del blog:

“Ciao Deborah ti volevo segnalare una soluzione che ha studiato per me l’estetista. Non posso fare smalto in gel semipermanente e permanente perché per certi esami, come la capillaroscopia, devo avere le unghie pulite. E devo, comunque, avere la possibilità di controllarle “nude”. L’estetista mi fa uno smalto che si chiama TNS, in cui usi gli UVA solo per il top, mi dura 2 settimane. ma si rimuove con acetone puro. Siccome per me è stata una svolta, volevo segnalartelo un abbraccio.”  Francesca.

Come ho scritto nel mio articolo “disabilità e femminilità” durante la mia vita, in particolare nel mio percorso lavorativo minato sempre dalla malattia, sono riuscita a diplomarmi anche truccatrice e onicotecnica. Molte di voi si chiederanno che cos’è l’onicotecnica: è la professionista esperta della ricostruzione e applicazione di unghie artificiali per pura finalità estetica, con gel o acrilico.

Per un periodo di tempo ho ricostruito unghie, ma devo dirvi la verità, queste tecniche su di me l’ho usate davvero molto poco. Quando feci il corso era appena scoppiata in Italia la moda della ricostruzione delle unghie, e quindi tantissimi prodotti oggi in commercio, allora non esistevano ancora. Quelli che si usavano erano molto aggressivi e l’unghia non ne giovava di certo, se poi era già fragile per motivi di salute la ricostruzione le indeboliva ulteriormente, e per farle ritornare sane ci volevano diversi mesi e tanta cura.  Così ho sempre optato per i classici smalti, ma il risultato non è mai stato soddisfacente in termini di durata.

Molte di noi hanno lo stesso problema di Francesca, e usare prodotti permanenti e semipermanenti non quindi è l’ideale, soprattutto per quanto riguarda la loro rimozione, tutt’altro che semplice. Per prendere il diploma noi studentesse eravamo obbligate a provare i prodotti e le tecniche sulle nostre unghie, e quindi capitava di dover  applicare e rimuovere in continuazione unghie finte, gel o acrilico, ed era davvero un dramma. Siamo arrivate tutte a fine corso con le unghie distrutte.

Incuriosita dal consiglio di Francesca ho preso qualche informazione studiando le ultime novità in questo campo, e devo davvero ringraziarla perché mi ha riaperto un mondo che avevo un pò accantonato. In questo articolo vi darò dei consigli su come fare una manicure semplice, bella e duratura.

Inizio scrivendovi la procedura per una buona preparazione delle unghie alla stesura dello smalto:

  • Riempite una bacinella con dell’acqua tiepida, aggiungete un cucchiaino di sali da bagno o di bagnoschiuma e immergete le mani per una decina di minuti. Questo farà si che le cuticole delle unghie si ammorbidiscano e sarà molto più semplice proseguire con gli altri step.
  • Dopo aver ammorbidito le unghie e le cuticole, è il momento di idratarle. Massaggiate le mani con una noce di crema idratante e mettete una goccia di olio sulle pellicine di ogni unghia. Lasciate assorbire un paio di minuti. Questo step è molto importante perché dopo il bagno le mani avranno bisogno di essere re-idratate.
  • Passati i due minuti prendete il bastoncino di legno e spingete delicatamente indietro le cuticole.
  • È arrivato il momento di dare la forma che desiderate alle unghie. Se sono molto lunghe tagliatele con le forbicine o con il tagliaunghie, altrimenti passate direttamente alla limetta. Potete scegliere se dargli una forma arrotondata o quadrata, ma solo se le vostre unghie sono sufficientemente lunghe. Altrimenti tendete a seguire la forma delle vostre dita limandole con delicatezza. È importante anche il modo in cui limate le unghie: cercate di limarle dall’alto verso il basso e non viceversa, né tantomeno lateralmente. In questo modo l’unghia non si indebolirà e non rischierà di rompersi.

Le vostre unghie adesso sono pronte per essere decorate a vostro piacimento. Ci sono diverse tecniche che utilizzano prodotti specifici per creare una manicure permanete o semipermanente.

Vi descriverò di seguito due tecniche “fai da te” che vi permetteranno di avere le unghie curate per almeno 1 o 2 settimane. Non vi spiegherò la ricostruzione unghie in gel permanente o acrilico, per farle ci vuole una preparazione professionale e quindi vi sconsiglio vivamente di improvvisarvi onicotecniche perché il risultato potrebbe essere davvero disastroso e porvi rimedio non è così semplice come può sembrare.

Manicure con smalto:

Dopo aver preparato le unghie come vi ho consigliato, applicate il Base Coat (copertura base), che proteggerà le unghie dallo smalto. Il Base Coat è un prodotto di fondamentale importanza che non andrebbe mai dimenticato per ottenere una perfetta manicure, infatti permette di rendere liscia l’unghia, agevola la stesura dello smalto, non macchia la superficie dell’unghia con le vernici colorate, previene la scheggiatura, fortifica l’unghia stessa ed impedisce l’ingiallimento dello smalto nel tempo.
Sul mercato ci sono un’infinità di base coat prodotti da brand diversi ed alcuni con specifiche caratteristiche, da quello levigante per unghie con superficie irregolare a quello fortificante per unghie fragili, da quello sbiancante – che presenta un caratteristico color violaceo fatto apposta per “schiarire” l’unghia – a quello anti-sfaldamento, adatto ad unghie fragili che tendono a spezzarsi soprattutto ai lati.

Dopo averlo applicato e lasciato asciugare bene, potete applicare lo smalto che avete scelto. Dosate bene la quantità che prelevate dalla bottiglietta, soprattutto se avete deciso di usarne uno colorato. Partite dalla base dell’unghia e ricopritela facendo tre strisce con il pennello: una centrale e in seguito le due laterali. Se il colore vi sembra poco coprente, lasciate asciugare e applicate una seconda passata. Lasciate asciugare bene prima di proseguire.

Come ultimo passaggio applicate il Top Coat. Il Top Coat è un prodotto in grado di fissare lo smalto e permettere che questo abbia una durata maggiore. Molti top coat hanno però anche proprietà protettive per le unghie e possono lucidarle e donare un effetto matte (opaco), in base ai propri gusti. Oltre a queste proprietà molti top coat hanno una proprietà chiamata easy dry, che permette allo smalto di asciugare molto velocemente.  Esistono diversi tipi di top coat: effetto gel, dona all’unghia lucentezza e resistenza quasi paragonabile ad una ricostruzione in gel; effetto matt, dona all’unghia un effetto opaco, molto bello su unghie di colore scuro come viola o nero; fissatore, può essere steso subito dopo aver steso il classico smalto; lucidante e protettivo, deve essere applicato quando lo smalto è perfettamente asciutto. Quando lo stendete vi consiglio di non passare più volte sullo stesso punto per evitare che il top coat porti via parte del colore dello smalto sotto.

Manicure con smalto semipermanente:

Lo smalto semipermanente è un gel fotoindurente, più leggero del gel per la ricostruzione delle unghie e più resistente del classico smalto. Asciuga in lampada LED o UV (vi descriverò in seguito i tipi di lampade in commercio) e dura circa 2/3 settimane. Inoltre è estremamente brillante e resistente a graffi e sbeccature: la soluzione ideale per chi desidera un colore perfetto e duraturo sulle unghie naturali. Questo smalto si presenta come un classico smalto perché è contenuto in un flacone con pennellino incorporato e si applica sulle unghie come uno smalto tradizionale, quindi in maniera abbastanza facile e, soprattutto, molto veloce. Per rimuovere lo smalto semipermanente basta un impacco con l’apposito solvente lasciato in posa per circa 10 minuti al massimo e generalmente non occorre nemmeno limare l’unghia in superficie come invece bisogna fare con la ricostruzione in gel. Per procedere alla stesura dello smalto semipermanente:

  • strofinare tutta l’unghia con un buffer (o mattoncino) per livellare con la sua grana fine eventuali dislivelli e preparare l’unghia al meglio.
  • Applicare il Gel Base e polimerizzare con la lampada UV per due minuti circa.
  • Stendere sulle unghie lo smalto colorato che abbiamo scelto e che dovrà essere polimerizzato con la lampada UV. Fate attenzione a non far colare lo smalto per evitare grumi, dunque passatelo su tutte le unghie e polimerizzate ancora per due minuti. Se preferite potete dare una seconda passata, come fate con lo smalto normale, seguendo lo stesso procedimento, nel caso in cui il colore non sia abbastanza forte oppure uniforme.
  • Adesso si procederà con l’applicazione del Gel Sigillante per rendere le vostre unghie super-brillanti, polimerizzate per altri due minuti. Infine ripulire le unghie con un batuffolo di cotone imbevuto di sgrassatore per unghie chiaramente.

Manicure con Smalto One Step 3 in 1:

La procedura è simile allo smalto semipermanente ma invece di tre prodotti (base, smalto, sigillante) se ne usa solo uno (o due a secondi se è previsto l’uso del primer, un prodotto semi-professionale che si utilizza per preparare la superficie delle unghie all’applicazione del gel o di prodotti acrilici). Ogni brand che produce lo smalto One Step ha comunque le sue istruzioni su come applicarlo. Questo smalto deve essere rimosso con un prodotto apposta e quindi non con un normale solvente.

Per eseguire la manicure con smalto semipermanente o con smalto One Step è necessario l’utilizzo della lampada per unghie,  un accessorio indispensabile per la fase di indurimento e polimerizzazione dei prodotti liquidi o a gel usati nelle varie fasi della ricostruzione delle unghie, ma anche nella nail art per il fissaggio ad esempio di formine artistiche e per la decorazione delle unghie. Attualmente in commercio ci sono tre tipologie di lampade:

  • LAMPADA UV: la lampada UV è la prima tipologia di fornetto nata per  le unghie. I prodotti da utilizzare con essa, devono essere smalti semipermanenti, gel ricostruzione e smalti One Step 3 in 1 adeguati a questa tecnologia UV. Alcune lampade UV sono provviste di impianto di aerazione, ideale per chi la usa per diverse ore, in quanto evita il  surriscaldamento di essa.
  • LAMPADA LED: questa lampada grazie alla totale tecnologia LED permette di ridurre notevolmente i tempi di asciugatura dello smalto semipermanente, del gel ricostruzione e dello smalto One Step 3 in 1. Naturalmente, i prodotti da utilizzare con questa lampada devono essere creati appositamente per la tecnologia led.
  • LAMPADA LED/UV: anche tale prodotto, riduce sensibilmente i tempi di polimerizzazione. Con questa lampada potete asciugare sia prodotti con tecnologia UV che prodotti con tecnologia led. Grazie ai loro costi moderati rispetto a quelle totalmente Led, e grazie alla loro tecnologia avanzata rispetto alle Uv, le lampade a tecnologia Led/Uv (CCFL) sono ad oggi le più acquistate.

Per utilizzo domestico, potete comunque accontentarvi di una lampada UV(la più economica) e avere solo un pò più di pazienza nei tempi di asciugatura. I prezzi si aggirano sui 25 euro e potete anche acquistarla anche online ad esempio su Amazon.

Dopo il messaggio di Francesca, ho fatto un giro in profumeria e ho acquistato il Gel Setter Top Coat di Essie   trasparente (pagato poco più di 8 euro), da utilizzare sopra il classico smalto. Questo top coat dona allo smalto la stessa lucidità della ricostruzione con il gel e contemporaneamente lo protegge  dalle odiose sbeccature facendolo durare anche una settimana. Pur essendo un gel non necessita l’uso della lampada, e quindi è davvero molto comodo.

Per la mia manicure ho preparato le unghie come vi ho spiegato in precedenza, e ho steso una base protettiva (a casa avevo il base coat della pupa). Dopo averlo lasciato asciugare bene ho steso una prima mano di smalto. Ho scelto il colore Sable Tuileries della L’Oreal perché adoro i colori neutri e in particolare le tonalità del tortora.  Una volta asciutto ho proceduto a stendere la seconda mano. Dopo aver lasciato asciugare bene lo smalto ho steso per ultimo il Top Coat effetto gel di Essie, facendo bene attenzione a stenderlo su tutta l’unghia. Basta una sola stesura e si lascia asciugare all’aria. Questo smalto gel è removibile con il classico solvente, ci consiglio di sceglierne uno normale che non sia delicato.

Ho fatto la manicure quattro giorni fa ed è ancora perfetta, e a me di solito lo smalto non dura nemmeno 5 Minuti! (nella foto ho inserito anche la lampada UV che usavo per la ricostruzione unghie, è un modello base e funziona benissimo!)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Spero di esservi stata utile, e ringrazio ancora Francesca per avermi dato lo spunto per questo articolo!

Se avete suggerimenti o consigli mandatemeli pure via mail a lazebrahrosa@gmail.com o inviatemi un messaggio sulla pagina FB della Zebrah, e io li condividerò sul blog!

Seguitemi anche sulla pagina Facebook: La Zebrah Rosa – Disabilità e Femminilità

 

Copyright © 2018 – 2018 La Zebrah Rosa by Deborah Capanna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...